CGUE 2/4/2019 sui criteri di competenza per le richieste di ripresa in carico

Per la determinazione dello Stato competente per l’esame di una domanda di protezione internazionale, il cittadino non UE che presenta una domanda di ripresa in carico non può invocare i criteri di competenza previsti per la procedura di presa in carico, a meno che non abbia trasmesso elementi che dimostrino la sussistenza del criterio di competenza familiare.

.

.

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=212541&pageIndex=0&doclang=IT&mode=req&dir=&occ=first&part=1&cid=8064259
.

.
La corte di giustizia UE, nelle cause riunite C‑582/17 e C‑583/17, dichiara:
.

.
Il regolamento (UE) n. 604/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, che stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l’esame di una domanda di protezione internazionale presentata in uno degli Stati membri da un cittadino di un paese terzo o da un apolide, deve essere interpretato nel senso che un cittadino di un paese terzo che abbia presentato una domanda di protezione internazionale in un primo Stato membro, abbia poi lasciato tale Stato membro e abbia successivamente presentato una nuova domanda di protezione internazionale in un secondo Stato membro:

–        non può, in linea di principio, invocare, nell’ambito di un ricorso proposto, ai sensi dell’articolo 27, paragrafo 1, di tale regolamento, in detto secondo Stato membro avverso la decisione di trasferimento adottata nei suoi confronti, il criterio di competenza enunciato all’articolo 9 di detto regolamento;

–        può, in via eccezionale, invocare, nell’ambito di un simile ricorso, il succitato criterio di competenza, in una situazione coperta dall’articolo 20, paragrafo 5, del medesimo regolamento, laddove il suddetto cittadino di un paese terzo abbia trasmesso all’autorità competente dello Stato membro richiedente elementi che dimostrino in modo manifesto che quest’ultimo dovrebbe essere considerato lo Stato membro competente per l’esame della domanda in applicazione di detto criterio di competenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *