Cass. 32338/2019 su trattenimento e precedente detenzione, presupposti della proroga

http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20191211/snciv@s10@a2019@n32338@tO.clean.pdf
.
Cass. 32338/2019 su trattenimento e precedente detenzione, presupposti della proroga
.

.
Ai fini del superamento del termine di cui all’art. 14, comma quinto, del d.lgs. n. 286 del 1998, non assume rilievo il periodo di detenzione sofferto presso una struttura carceraria per reati comuni in epoca risalente rispetto alla data del trattenimento presso il centro di identificazione ed espulsione, occorrendo che sussista un rapporto di continuità temporale tra il trattenimento presso la struttura carceraria e quello presso il centro.

È legittima la proroga del trattenimento fondata sull’avvenuto deposito da parte dell’Amministrazione della richiesta di rilascio del lasciapassare inoltrata al Consolato del paese di origine, a riprova dell’avvio della procedura finalizzata all’acquisizione del documento necessario per il rimpatrio; il mancato riscontro da parte del Consolato non consente di per sé di escludere una futura ottemperanza

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *